Prendiamoci per i fornelli - Fondazione Opera Don Pippo ONLUS

Prendiamoci per i fornelli




Obiettivi generali:

Acquisizione e miglioramento della capacità lavorative in cucina, svolgendo (sempre sotto monitoraggio ma in maniera autonoma)  fasi di preparazione cibi e ricette.

  1. Creazione di momenti di socializzazione con operatori e utenti di altri centri e con le persone presenti durante le cene
  2. Migliorare le capacità relazionali dell’utente con i “pari” e con il “pubblico”.
  3. Favorire momenti di conoscenza e di aggregazione per le famiglie.
  4. Opportunità per gli operatori di lavorare in “rete” e di conoscere altre realtà del territorio.

Obiettivi specifici:

  1. Il laboratorio di cucina ha la finalità di raggiungere l’acquisizione di autonomie (o semi-autonomie) sul piano funzionale in un contesto stimolante e gratificante, attraverso la socializzazione e la collaborazione, il rispetto gli altri e delle loro identità, il saper stare insieme, il condividere spazi e materiali.
  2. Acquisizione di oggetti e vocaboli nuovi riguardanti le azioni che saranno svolte (es. montare, mescolare, sbattere); apprendere le procedure necessarie per realizzare la preparazione di cibi e, aspetto più rilevante, interiorizzare quegli apprendimenti di tipo logico-cognitivo utili al raggiungimento di abilità funzionali (quantità, misura, peso, tempo). Ed assimilare e usare i vocaboli relativi alle azioni che si svolgono in cucina (pesare, misurare, pelare, montare, salare, dolcificare, sbattere, amalgamare, accendere, stendere, impastare, setacciare, mescolare …).
  3. Migliorare la manualità fine e grossolana attraverso la preparazione di ricette di complessità variabile.
  4. L’utente del corso dovrebbe essere in grado di “ripetere a casa”, sotto monitoraggio e/o stimolazione di gentiori o parenti, alcune semplici ricette sperimentate nel laboratorio, dimostrando di aver acquisito almeno la parte pratica del procedimento (per la parte teorico-astratta e di preparazione si presuppone la gestione di una persona adulta a fianco del ragazzo)

Tempi:

Il laboratorio sarà aperto una volta la settimana, ogni lunedi dalle ore 15:30 alle 17:30 e prevede una fase di riordino dei materiari e pulizia tavoli.

Risultati attesi:

  • La partecipazione, l’interesse e il coinvolgimento
  • L’acquisizione graduale di alcune abilità di base
  • L’impegno e la capacità di lavorare in gruppo
  • Lo sviluppo di capacità di autocontrollo e di comunicazione interpersonale 

Strategie e Strumenti:

Il laboratorio si svolge favorendo l’applicazione di capacità cognitive ed attività pratiche. Attraverso l’esecuzione di ricette gli utenti sviluppano gradualmente le proprie autonomie, avvalendosi anche delle dinamiche di gruppo. Il laboratorio è strutturato e calibrato sulle capacità effettive dei partecipanti.

Verifica:

La verifica si baserà sull’osservazione dei ragazzi durante le attività proposte, rilevando i tempi di attenzione e di partecipazione secondo il proprio ritmo di apprendimento, con particolare attenzione al raggiungimento dell’autonomia relazionale e comportamentale dei ragazzi, al fine di renderli capaci di realizzare un maggior numero di cose senza l’aiuto dell’operatore.

Operatori:

Responsabile cucina e ricette: Gabriele Faggi

Educatori del progetto: Conti Benedetta e Marco Andreoni (prevista anche la presenza di volontari)

Condivisione e monitoraggio: Katia Liverani